AGRICOLTURA

Naufraga l’idea del mercato del fiore di Scicli

di

SCICLI. Cinque milioni di euro rimasti, da tre anni, nel cassetto dei sogni dei produttori agricoli della fascia vocata del Ragusano. Avrebbero dovuto rimettere in moto una struttura realizzata alla fine degli anni Settanta quando il boom della floricoltura aveva portato la Regione ad investire nel territorio ibleo per realizzare un mercato del fiore pubblico.

Siamo a Scicli, in particolare nella borgata di Donnalucata, in un'area che s'affaccia sul Mediterraneo; è qui che è stata “pensata” la realizzazione di una postazione dove i floricoltori avrebbero indirizzato le loro produzioni, garofani, rose, orchidee, gladioli, crisantemi, gerbere. Per la Sanremo del sud, come all'epoca era stata chiamata Scicli, sarebbe stata una struttura all'avanguardia. Ed in verità il grande immobile è stato realizzato.

In contrada “Spinello”, con i fondi regionali è stato costruito un capannone di cinquemila metri quadrati con terreno pertinenziale interamente recintato ed esteso su 20.000 metri quadrati. Quattro miliardi delle vecchie lire il costo dell'opera.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X