IL CASO

Ragusa, contrade senza acqua: esplode la protesta

di

RAGUSA. Manca la rete idrica. Anzi l' allaccio alla conduttura principale. Il nuovo acquedotto che da contrada Camemi raggiunge Marina di Ragusa ha «tagliato» le borgate a nord della frazione balneare. Qui i residenti, un migliaio di cittadini, attendono da anni la rete idrica.

Un impegno di spesa di un milione e mezzo di euro che, in questa fase, secondo gli amministratori, è difficile reperire. L' opera, semmai, potrà essere realizzata a stralci con interventi previsti nelle singole contrade. I cittadini delle contrade Camemi, Gatto Corvino, Villaggio 2000, Principe, Fontana Nova, Mangiabove, Cerasella e Santa Maria degli Angeli, dovranno attendere ancora. Ieri pomeriggio, in sala giunta, l' atteso confronto tra una cospicua delegazione di residenti, con il portavoce del comitato intercontrade Peppe Calabrese, e i componenti dell' amministrazione comunale con il sindaco Federico Piccitto e l' assessore ai lavori pubblici Salvatore Corallo.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI RAGUSA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X