I RACCONTI

Sbarco a Pozzallo, i sopravvissuti: 30 morti in mare durante i soccorsi

POZZALLO. Venti-trenta migranti sarebbero morti durante la fasi di soccorso in mare di un gommone in difficoltà nel Mediterraneo. Lo hanno ricostruito alla polizia di Stato e alla squadra mobile di Pozzallo diversi dei sopravvissuti che sono sbarcati nel porto del Ragusano la sera del 30 aprile su nave 'Siem Pilot', che aveva recuperato due dei cadaveri.

L'ennesima tragedia del mare è avvenuta il 29 aprile scorso dopo il lancio di una scaletta da parte di un mercantile che era in zona: nella ressa che si è creata alcune decine di extracomunitari sono caduti in mare. Sono state recuperate solo due salme.

I sopravvissuti e i cadaveri sono stati trasferiti su una nave militare tedesca e poi sulla nave norvegese che ha portato, complessivamente, 454 migranti nel porto di Pozzallo. Le salme sono state trasferite nella sala mortuaria del cimitero di Vittoria.

In ospedale sono stati condotti sei migranti: due donne in gravidanza, 3 traumatizzati di cui uno con un proiettile al braccio e un altro febbricitante.

 

SCAFISTA FERMATO. E' stato indagato, oltre che per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina anche di morte di circa 25 migranti come conseguenza di altro delitto, lo scafista del gommone da cui sarebbero caduti in mare, annegando, 20-30 extracomunitari durante le fasi di salvataggio in mare lo scorso 29 aprile.

E' un giovane di 24 anni, Yosuf Thiarè, originario del Mali, che è stato fermato a Pozzallo su disposizione della Procura di Ragusa su indagini della squadra mobile della polizia di Stato, carabinieri e guardia di finanza. I sopravvissuti che lo hanno identificato hanno spiegato anche che "non ha potuto fare alcunché per trarre in salvo i migranti", ma che "aveva raggiunto accordi con i libici per condurre un gommone carico oltremodo di persone": 120-130, dei quali 99 si sono salvate.

Dodici di loro sono state recuperate in mare da una nave spagnola, e non tedesca come si era appreso in un primo momento: la Numancia, che aveva già soccorso altri 346 migranti. Il gommone si reggeva in precario equilibrio perché uno dei tubolari si era afflosciato. "Chi non sapeva nuotare - hanno ricostruito i testimoni - è andato subito a fondo". Due dei recuperati sono stati trasferiti d'urgenza in elicottero a Lampedusa per ricevere cure mediche: uno per sintomi di annegamento e l'altro per una frattura. Tra i superstiti anche un ferito d'arma da fuoco: "nella connection house in Libia c'è stata un poco di confusione per il mangiare - ha detto agli investigatori - e uno dei vigilanti ha sparato ad altezza d'uomo ferendomi ad un braccio".

Le indagini su uno degli altri gommoni soccorsi hanno portato al fermo di un altro scafista: il senegalese Cheikh Faye, di 31 anni. Nel 2016 all'hot spot di Pozzallo hanno già fatto ingresso 5.221 migranti in occasione di 15 sbarchi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X