IL CASO

Rifiuti a Scicli, le associazioni: "L'impianto non sarà ampliato"

di

SCICLI. Dopo l'incontro palermitano sui rifiuti di contrada «Cuturi», dove è stato autorizzato l'ampliamento di un impianto per il trattamento di rifiuti pericolosi e non, c'è un moderato ottimismo nelle associazioni e nei movimenti da giorni schierati contro ogni forma di discarica a Scicli. Il governatore Rosario Crocetta è stato chiaro sull'argomento «rifiuti» nella cittadina Unesco: «È illogico e orrendo - ha detto Crocetta - realizzare una discarica di rifiuti pericolosi in una città che è un piccolo gioiello e costituisce un patrimonio architettonico di inestimabile valore».

I rappresentati delle associazioni hanno annunciato per stasera, alle 19, nella sede della «Casa delle Associazioni», una nuova assemblea per aggiornare i cittadini sull'incontro con il presidente Crocetta. Soddisfatti Paolo Gambuzza, dell'associazione Primo Maggio, e Salvatore Buscema, dell'associazione Startup, presenti all'incontro di Palermo, per l'impegno di sospendere le «autorizzazioni» all'ampliamento dell'impianto di trattamento rifiuti, assunto dal governatore Crocetta. Molto critica nei confronti di Crocetta è Resi Iurato di «Scicli bene Comune».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X