CARABINIERI

Marina di Modica, sigilli a 2 case a «luci rosse»

di

MODICA. In quei muri, interamente realizzati in pietra ragusana, da mesi c'erano affissi due cartelli: “Affittasi” e “Vendesi”. Da giovedì c’è anche un foglio apposto da un militare dell'Arma: indica che quelle due villette di Marina di Modica, sono sotto sequestro. Provvedimento, questo, che è stato emesso dal Tribunale di Ragusa.

Le due villette sono di proprietà di Vincenzo Giannì, 57 anni, attualmente agli arresti domiciliari per il reato di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. È la "coda" della prima operazione che i carabinieri della Compagnia di Modica hanno portato a termine la scorsa settimana ponendo agli arresti domiciliari i due modicani, Vincenzo Giannì e Rosario Pitino, 50 anni, il primo pensionato ed il secondo disoccupato.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X