IL CASO

Vertenze dei precari a Comiso e Chiaramonte

di

COMISO. Le problematiche dei precari e degli ex precari a Comiso e Chiaramonte Gulfi. A Comiso, in rivolta i lavoratori ex Lsu, che sono stati stabilizzati, a partire dal 2010, con contratti a tempo indeterminato, ma con orario part time a 18 ore settimanali. I lavoratori, da tempo, chiedono l'integrazione oraria ma la giunta presieduta dal sindaco, Filippo Spataro, ha deciso di prevedere un'integrazione oraria di sei ore - per 24 ore settimanali - solo per 47 dipendenti.

Gli altri cento, per ora, sono esclusi, ma lo stesso trattamento dovrebbe arrivare per tutti entro il 2018. Da qui a breve, l'integrazione oraria dovrebbe scattare per altri quindici dipendenti. Gli "esclusi", però, non ci stanno ed hanno chiesto pari trattamento per tutti. Poiché le risorse economiche non ci sono si potrebbe giungere ad un monte ore minore per tutti.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X