IL CASO

Ragusa, il Comune pronto a tagliare l'acqua agli uffici regionali e statali

di

RAGUSA. Misure straordinarie e urgenti per sostenere, in parte, il costo del servizio idrico che incide, e di molto, sulle tasche dei cittadini. Lo chiedono gli amministratori del Comune di Ragusa che hanno inviato una lettera diffida alla Regione e al governo centrale. Entro 30 giorni - il termine perentorio - la Regione dovrà dare una risposta.

Trascorso tale termine il Comune chiuderà i rubinetti dell’acqua, con la sospensione del servizio idrico dall’acquedotto comunale, agli uffici regionali e nazionali iniziando dall’Agenzia delle entrate alla Riscossione Sicilia, agli uffici dell’Asp. Il servizio sarà garantito solo dalle autobotti comunali.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X