IL DELITTO

Loris, Andrea Stival: «Ecco perché quelle telefonate a mia nuora»

di
Il legale del nonno del bambino ucciso spiega le ragioni delle numerose chiamate tra l’unica imputata e il suocero indagato: «Non erano amanti»

SANTA CROCE CAMERINA. Le telefonate tra Andrea Stival e la mamma del piccolo Loris sarebbero tutte avvenute di giorno ed avrebbero avuto un picco solo quando l’uomo era rimasto da solo a casa, perché la figlia era andata a vivere con il fidanzato, nel maggio del 2014. «Chiedeva aiuto per i lavori domestici», dice il suo avvocato.

Proseguono le indagini degli inquirenti su Andrea Stival, indagato come atto dovuto per l’omicidio del nipotino Loris Stival, avvenuto a Santa Croce il 29 novembre 2014, e per l’occultamento del cadavere, dopo la chiamata in correità della nuora Veronica Panarello. Gli investigatori hanno spulciato i tabulati telefonici dell’epoca, facendo rilevare, durante l’ultimo interrogatorio nei confronti dell’indagato, quei contatti frequenti. Ma la difesa di Andrea Stival ha fornito una giustificazione immediata.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X