PROSTITUZIONE

I vicini denunciano: scoperta casa a luci rosse a Ragusa

RAGUSA. La polizia ha chiuso un’altra casa a luci rosse in corso Italia a Ragusa. Lì, come è stato appurato, si prostituiva un transessuale che nell'ultimo periodo aveva provocato malumore nel vicinato. La squadra mobile è intervenuto dopo le segnalazioni di alcuni vicini di casa.

Pochi giorni fa una volante della polizia aveva effettuato un controllo in quell’abitazione dopo una lite tra il transessuale e i vicini di casa. Gli agenti hanno dunque deciso di monitorare l'abitazione. All'interno hanno trovato un brasiliano con diversi precedenti penali che ha riferito di convivere in quell’appartamento con il compagno napoletano e ammettendo di prostituirsi. In casa rinvenuti un centinaio di profilattici, video pornografici, diversa parrucche e altro materiale.

I DATI. Nel 2015 sono state chiuse 15 case, la maggior parte nel comune di Ragusa. Diversi sono stati i sequestri delle abitazioni adibite dai proprietari o locatari a luoghi dove poter consumare sesso a pagamento.

Anche in questo caso si trovano conferme sul giro d’affari che è di rilevante entità, tutto dipende dalle richieste dei clienti, i prezzi oscillano da 50 a 200 euro, dipende dai “gusti” e dalle richieste sessuali, a volte possono arrivare a prezzi ancora più alti, come per il sesso di gruppo. Tra i rapporti preferiti dai consumatori di sesso a pagamento, vi è di sicuro quello con transessuali, difatti l’uomo identificato ha ammesso di avere numerosissimi clienti.

La Squadra Mobile, per ordine del Questore di Ragusa Giuseppe Gammino, sta effettuando diverse verifiche sugli immobili segnalati dai cittadini, al fine di permettere a tutti gli abitanti delle zone interessate in provincia di non avere problemi nel vivere quotidiano.

R.P.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X