IMMIGRAZIONE

Migranti, sbarco a Pozzallo: fermati due scafisti: uno recidivo

POZZALLO. Sono stati fermati dalle forze dell'ordine due presunti scafisti dello sbarco avvenuto due giorni fa a Pozzallo di 105 migranti, arrivati nel porto del Ragusano a bordo della nave norvegese 'Seam Pilot'.

Uno dei due, un egiziano di 30 anni è un professionista recidivo: era stato arrestato dalla squadra mobile della Questura di Ragusa e
condannato per lo stesso reato nel 2011. Dopo avere scontato la pena è stato espulso e sabato è ritornato in Sicilia sempre, secondo l'accusa, come scafista. Era uno dei due piloti di una barca in legno che è affondata subito dopo i soccorsi. I migranti, compresi 20 minorenni e otto donne di cui tre in gravidanza ricoverate in ospedale, hanno pagato circa 3.000 dollari a testa per il viaggio della speranza.

I due egiziani fermati sono Mohamad Abo Laid Hassan, di 48 anni, e Mhamis Aid, di 30. Quest'ultimo è uno scafista 'recidivo': era alla giuda di un barcone che nel 2011 arrivò direttamente sulla costa Ragusana, in territorio di Santa Croce Camerina, sulla spiaggia nota come quella del 'Commissario Montalbano'. I migranti dell'ultimo sbarco a Pozzallo alla squadra mobile di Ragusa che li ha sentiti hanno rivelato di avere pagato 3.500 dollari ciascuno, di essere partiti dall'Egitto e di avere navigato per sette giorni. Tra gli arrivati numerosi minorenni egiziani, attualmente ospitati nell'Hot Spot di Pozzallo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X