IN PROVINCIA

La Coldiretti si rivolge ai Comuni del Ragusano: nelle mense usare i prodotti locali

di

RAGUSA. Difesa del «Made in italy» iniziando dai prodotti orticoli sottocosto della fascia trasformata. Anche i Comuni, per le iniziative di propria competenza, devono tutelare i produttori locali inserendo nei capitolati d' appalto delle mense scolastiche, l' utilizzo di prodotti locali.

La Coldiretti ragusana parla di un' emergenza sociale ma ognuno, iniziando dagli amministratori locali, deve dare un segnale di vicinanza al territorio.
«La scelta di inserire prodotti a km 0 nelle mense degli ospedali e delle scuole è il primo segnale che manca-spiega il direttore provinciale della Coldiretti, Pietro Greco -. Siamo riusciti, ad esempio, tra mille difficoltà a raggiungere a Ragusa uno straordinario risultato. Con i prodotti delle aziende del circuito Campagna Amica della Coldiretti che forniscono la mensa interaziendale che produce i pasti per le scuole della città. Frutta e ortaggi del territorio che vengo no consumati dai nostri bambini. Un piccolo ma significativo risultato per i produttori - aggiunge Greco - che hanno difficoltà a pagare i fornitori in un momento in cui tutti gli ortaggi prodotti sono al di sotto dei costi di produzione.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X