POLIZIA PENITENZIARIA

Fermato per un furto a Vittoria, giovane tenta di evadere dal carcere

VITTORIA. Ha tentato di evadere ieri mattina dal carcere di contrada Pendente. Ma è stata bloccato dagli agenti penitenziari. A darne notizia è stato il Sappe, il Sindacato autonomo polizia penitenziaria. Protagonista del tentativo di fuga è stato il vittoriese Simone Giannone, 18 anni, finito in carcere poche ore prima con l’accusa di furto e violazione dell’obbligo di dimora.

«Il ragazzo - racconta Calogero Navarra, segretario regionale per il Sappe - era arrivato in nottata. Ha tentato di evadere arrampicandosi sulle mura del cortile dell’ora d’aria ma solo grazie alla professionalità del personale di Polizia penitenziaria è stato bloccato». Simone Giannone era stato arrestato dagli agenti delle Volanti del commissariato di Vittoria al termine di un rocambolesco inseguimento per le vie della città. Il ragazzo, che dopo un primo arresto era stato rimesso in libertà con l'obbligo di dimora, martedì pomeriggio ha eluso la sorveglianza dei genitori ed è uscito. È stato il padre a chiamare la polizia, allarmato. Alle 22,30 la sala operativa della Questura ha ricevuto la segnalazione di un furto in abitazione. Gli agenti hanno trovato la saracinesca di un garage aperta e le luci accese. Il proprietario ha controllato, ma non mancava nulla. Ma in un garage vicino era stata rubata un'auto. I poliziotti si sono subito messi sulle tracce del mezzo, e poco dopo lo hanno visto sfrecciare ad altissima velocità, in via Mentana.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X