SANITA'

Morti in ospedale a Ragusa, il direttore dell'Asp: «I dati sotto la media»

di

RAGUSA. «I 14 decessi che da maggio a dicembre del 2015 si sono verificati su pazienti operati nella Chirurgia dell’ospedale «Civile» di Ragusa, avvenuti anche dopo tre settimane dall’intervento, rappresentano il 3,2% di tutti i casi, al di sotto delle statistiche internazionali che documentano che il rischio di mortalità per pazienti di questa fascia è stimato in almeno il 4,5%».

Il direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Ragusa, Maurizio Aricò, ha fatto un’operazione di riabilitazione della Chirurgia generale dell’ospedale «Civile» di Ragusa investita in questi giorni dall’indagine della Procura su 14 morti per presunti casi di «malasanità». Una percentuale del 3,2% che si abbassa ulteriormente considerato che le morti oggetto dell’indagine interna e della magistratura sono solo 8, di cui due con denuncia dei familiari e tra questi uno con richiesta di archiviazione.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X