COMUNE

L'opposizione: «L'aeroporto di Comiso produce troppi debiti»

di

COMISO. L' aeroporto di Comiso è una grande incognita. Attualmente la gestione produce, ogni anno, un deficit che si ripercuote e intacca il capitale sociale. Il punto di pareggio è previsto nel 2018, ma i segnali attuali non sono confortanti».

I consiglieri di opposizione alzano il tiro sui problemi della vita amministrativa e cominciano proprio dall' aeroporto. Maria Rita Schembari, Dante Di Trapani, Alberto Belluardo, Roberto Cassibba, Giuseppe Alfano e Giorgio Assenza dicono la loro. Si parte dai costi di gestione dello scalo.

«L'aeroporto- spiega il deputato regionale Giorgio Assenza, anch' egli consigliere comunale- produce ogni anno 3/4 milioni di euro di debiti: troppi. Il punto di equilibrio, prima previsto nel 2017, oggi è nel 2018. Il bilancio è in rosso e non vediamo segnali positivi. Recentemente, Ryanair ha tagliato tre voli settimanali per Roma: è una scelta scellerata, perché i voli per Roma sono sempre pieni. Dal 28 marzo, non si volerà più il martedì, giovedì e sabato. La compagnia irlandese porta dei passeggeri, ma taglia i voli con grande facilità. In più, gran parte dei ricavi sono destinati agli incentivi».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X