LA STORIA

Modica, corsa per il parto: il bimbo però nasce nell’auto

di

MODICA. Le doglie si fanno sentire a casa intorno alle 15,30 di ieri. Marito e moglie, due cittadini di nazionalità marocchina, non si perdono d'animo con l'accentuarsi dei dolori da parto. Prendono il classico ”borsone” per il nascituro e la mamma e salgono in auto. È una corsa all'ospedale fra le strade che, per fortuna, essendo domenica, non erano intasate di traffico come solitamente accade al quartiere Sorda, sulla via Resistenza Partigiana e su via Aldo Moro.

I due presi dall'emozione ma decisi a non perdere tempo entrano all'interno dello spiazzale dell'ospedale «Maggiore» di Modica. Non riescono, però, a scendere dall'auto: almeno lei che si contorce nell'abitacolo in prenda ad un travaglio che non accenna a placarsi. Il marito chiede subito aiuto al personale infermieristico e sanitario del pronto soccorso. Spiega che in macchina c'è la moglie alle prese con le doglie. Sono momenti concitati.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X