SANTUARIO MARIANO

Scicli, restaurata la cappella dell’Addolorata

di

SCICLI. Offerte dei fedeli e 40 mila euro messe a disposizione da una società mecenate d'arte. Queste le «forze» che sono riuscite a riconsegnare al suo splendore la cappella dell'Addolorata nel Santuario mariano di Santa Maria La Nova.

La somma di 40mila euro è arrivata dalla Colacem, con sede centrale a Gubbio e presente in provincia di Ragusa con due cementifici; altre cospicue somme sono frutto di una offerta da parte di una famiglia e di tante «donazioni» dei cittadini.

La città, fortemente devota a Maria Santissima della Pietà, ha risposto in maniera adeguata tanto da permettere di restaurare la cappella senza ricorrere a finanziamenti pubblici. Il simulacro dell'Addolorata, miracolo, è custodito nella seconda cappella del lato sinistro della chiesa, una delle più grandi dell'intera città, e che proprio per questo è stato innalzato dalla Diocesi netina a Santuario mariano. Lunedì prossimo, alle 19, sarà presentato il restauro.

La sponsorizzazione della Colacem è arrivata in memoria della signora Franca Occhipinti Arrabito deceduta nell'agosto del 2012, devota all'Addolorata e componente del gruppo del Terzo Ordine Secolare delle «Serve di Maria» la cui priora è la signorina Melina Padua.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X