IL CASO

Modica, palazzo di giustizia "condannato": appello al Quirinale

di

MODICA. Una lettera al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per chiedere un intervento che possa scongiurare la chiusura e l'abbandono del Tribunale. È quella inviata dal Consiglio direttivo dell'associazione Confronto. Lo annuncia il presidente Enzo Cavallo. «Non possiamo stare in silenzio e arrenderci alla battaglia contro la chiusura del palazzo di Giustizia. Non si può accettare - commenta Cavallo - che la struttura (progettata, approvata, finanziata, costruita e modellata in relazione alle specifiche esigenze di un Tribunale) possa essere destinata a finalità diverse da quelle per cui è stata voluta e realizzata così come sarebbe pazzesco ipotizzare l'apertura di cantieri al suo interno per adattarla ad altri scopi, così come qualcuno pensa e tenta di fare».

Cavallo poi aggiunge che in questi anni si è agito con leggerezza e l'irresponsabilità ha portato al trasferimento del Tribunale a Ragusa. «L'avere abbandonato il moderno, efficiente ed accessibilissimo Palazzo di Giustizia per trasferire, - continua Cavallo - affrontando costi enormi, tutto a Ragusa in locali inidonei, non funzionali e, in molti casi, privi dei prescritti requisiti, è un oltraggio nei confronti di tutti i contribuenti.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X