IL CASO

Ispica, Legambiente: "Fermiamo i lavori a mare"

di
ispica, legambiente, Ragusa, Cronaca
Santa Maria del Focallo (Ispica)

ISPICA. Alla vigilia dell'avvio della prima tranche di interventi di ripascimento morbido sulla costa di Santa Maria del Focallo, in particolare nei chilometri che vanno dal viale Kennedy a contrada Ucca Marina, gli ambientalisti alzano forte la protesta. In una nota congiunta inviata al sindaco Pierenzo Muraglie e agli assessorati regionali ai Beni culturali ed al Territorio i circoli Legambiente "Il carrubo" (Ragusa), "Il melograno" (Modica) e "Sikelion" (Ispica), rappresentati dai rispettivi presidenti Antonino Duchi, Giorgio Cavallo e Natalia Carpanzano, chiedono alle due istituzioni di stoppare in autotutela i lavori che, appaltati dall'amministrazione Rustico la scorsa primavera per l'importo complessivo di oltre due milioni di euro ad una ditta di Naro, dovrebbero prendere il via a breve, quando la stagione estiva sarà definitivamente chiusa.

Ad accompagnare il documento degli ambientalisti due corpose relazioni, in cui Giorgio Anfuso (docente di Scienze del mare all'Università di Cadice) e Enzo Pranzini (ordinario di Geografia fisica e geomorfologia a Firenze) censurano il progetto ispicese e quelli in via di realizzazione nell'intera provincia. La critica al progetto ispicese, fornito già di tutte le autorizzazioni previste dalla legge, viene mossa soprattutto nella parte in cui contempla 13 pennelli semisommersi, disposti a spina di pesce rispetto alla linea di costa, lunghi dai 50 ai 250 metri, ed ulteriori barriere integralmente sommerse.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X