IL CASO

Omicidio Loris, la procura verso il rito immediato per Veronica Panarello

di
omicidio, santa croce camerina, Loris Stival, Veronica Panarello, Ragusa, Cronaca
29 novembre: Loris Stival - 8 anni - viene trovato morto. Dieci giorni dopo, la madre fermata per omicidio e occultamento di cadavere

SANTA CROCE CAMERINA. La Procura di Ragusa incassa il terzo «via libera» sulle indagini per la morte di Loris Stival, il bimbo di otto anni trovato morto in un canalone a Santa Croce Camerina il 29 novembre scorso. Dell’omicidio è accusata Veronica Panarello, la ventiseienne mamma del piccolo Loris. Il collegio della Cassazione presieduto da Arturo Cortese, infatti, ha respinto la richiesta di annullamento dell’ordinanza del Tribunale del Riesame emessa il 3 gennaio scorso mentre il 12 dicembre è stato il gip Claudio Maggioni a convalidare il fermo della signora Panarello scattato la notte dell’8 dicembre dell’anno scorso.

Il perno dell’accusa, sostenuta dal procuratore Carmelo Petralia e dal sostituto Marco Rota sono le presunte bugie della mamma di Loris. L’indagata dice di avere accompagnato il figlio a scuola, ma le immagini dei sistemi di videosorveglianza, di Santa Croce Camerina non inquadrano la sua auto vicino l’istituto Falcone-Borsellino. Altri elementi sono le fascette di plastica consegnate alle maestre, compatibili con il legaccio usato per strangolare il bambino. Ricostruzioni che hanno retto al vaglio del Gip, del Tribunale del Riesame e della Suprema Corte di Cassazione.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X