AGROALIMENTARE

Expo: Coldiretti, formaggio Ragusano presto negli Emirati

RAGUSA. Il Ragusano Dop potrebbe presto raggiungere gli Emirati arabi grazie alla Coldiretti siciliana che oggi a Milano ha prodotto con i maestri casari uno dei formaggi più apprezzati al mondo. L'emiro oltre a gradire il sapore unico del prodotto ibleo ha manifestato l'intenzione di comprarne una buona quantità. "Nella giornata del latte che la Coldiretti ha organizzato a Milano è stato attestato che la Sicilia mantiene il primato qualitativo - afferma il presidente regionale Alessandro Chiarelli - L'emiro non è l'unico ad aver manifestato apprezzamento per un prodotto che insieme agli altri formaggi italiani combatte contro i falsi che rovinano le nostre produzioni. Si aprono nuovi canali nelle economie emergenti".

Negli Stati Uniti il 99% dei formaggi di tipo italiano sono "tarocchi". Il loro nome richiama esplicitamente prodotti italiani, da "Fontiago" a "Parmesan", ma di italiano c'è solo quello. E' quanto emerge da uno studio presentato da Coldiretti a Expo in occasione del primo "cheese test" tra falso e vero Made in Italy, per la Giornata del latte promossa dal Ministero delle Politiche Agricole. La produzione di imitazioni dei formaggi italiani - sottolinea la Coldiretti - nel 2014 ha raggiunto negli Usa il quantitativo record di quasi 2.228 milioni di kg, con una crescita esponenziale negli ultimi 30 anni, tanto da aver superato addirittura la stessa produzione di formaggi americani come Cheddar, Colby, Monterrey e Jack. Tra i formaggi italiani Made in Usa più gettonati - rileva la Coldiretti - ci sono la mozzarella (79%), il Provolone (7%) e il Parmesan (6%), con quasi i due terzi della produzione realizzata in California e Wisconsin mentre lo Stato di New York si colloca al terzo posto. La produzione di Parmesan statunitense ha raggiunto i 144 milioni di kg, circa la metà di quello originale realizzata in Italia. Peraltro le esportazioni di formaggi italiani originali si sono fermate nel 2014 a circa 28 milioni di kg, pari a un -6% rispetto all'anno precedente, "anche a causa della concorrenza sleale delle imitazioni".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X