NEL RAGUSANO

Il consiglio dei ministri scioglie il comune di Scicli per mafia: non ci saranno elezioni

SCICLI. Il Consiglio dei ministri, col parere favorevole del governatore della Sicilia Rosario Crocetta, ha deliberato lo scioglimento per infiltrazioni mafiose del comune di Scicli, che dunque non andrà al voto a fine maggio. L'ex sindaco del comune ragusano, Franco Susino, lo scorso marzo è stato rinviato a giudizio per mafia.

«Gli ispettori del ministero dell'Interno hanno rilevato che una parte della macchina amministrativa del comune risponde a infiltrazioni mafiose, altre anomali sono state riscontrate nella gestione dei rifiuti con proroghe senza gare e con elementi mafiosi che hanno imposto assunzioni e lavori», dice il governatore Crocetta che ha
partecipato al Consiglio dei ministri.  La decisione di sciogliere il comune è stata assunta nonostante l'imminenza delle elezioni per il rinnovo degli
organismi (il 31 maggio) «perchè - spiega Crocetta - c'era il pericolo di continuità con l'amministrazione precedente». «Mi spiace che a Scicli non si andrà a votare - sostiene Crocetta e che non sia stata colta l'occasione per chiudere col passato. Il Megafono e altri avevano dato disponibilità a candidare un esponente delle forze dell'ordine, se altri partiti avessero avuto il coraggio si sarebbe evitato lo scioglimento. Adesso spero che il commissariamento cambia le cose».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X