NEL RAGUSANO

Tagli agli enti locali, al via le proteste dei sindaci iblei

RAGUSA. I sindaci dei 12 comuni della provincia di Ragusa non vogliono fare gli esattori per conto di Stato e Regione e si dichiarano fortemente contrari ai tagli dei trasferimenti. Si sono riuniti ieri a Ragusa per valutare le azioni da mettere in campo ed hanno concordato una serie di sit-in per sensibilizzare i cittadini su una questione ch'è di sopravvivenza per gli enti locali.

Primo appuntamento  nell'aerostazione di Comiso, per poi proseguire con altre manifestazioni a Ragusa, Vittoria, Pozzallo e Chiaramonte Gulfi. Luoghi simbolo quelli individuati dai sindaci per affrontare la precaria gestione delle risorse economiche.

«Nessuna strumentalizzazione politica - dicono - bensì un'opera di informazione rivolta alla comunità ed una protesta verso la Regione e lo Stato che non ci ascoltano più rendendo impossibile qualsiasi interlocuzione. Non possiamo accettare la logica dello scaricabarile, nè restare in silenzio di fronte alla drammaticità dei tagli».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X