ENTI LOCALI

Comiso, sul personale comunale è ormai scontro «totale»

Il vicesindaco Gaglio ribatte alla Cisl, ma i vertici del sindacato proseguono l’affondo

COMISO. «L’obbligo di concertazione c’è solo in una fase successiva e, comunque, l’amministrazione ha incontrato i sindacati il 3 febbraio». Così il vicesindaco Gaetano Gaglio ribatte alla Cisl che aveva puntato l’incide sull’amministraizone riguardo la mancata concertazione con i sindacati in merito alla delibera per il fabbisogno del personale.

«L'obbligo di aumentare le ore c'è solo in caso di assunzione di full time e non di part time» ha ancora sottolineato il vicesindaco, ma, dal canto loro, Daniele Passanisi e Antonio Nicosia, rispettivamente segretario generale Cisl Fp e segretario territoriale, precisano che «la normativa è orientata alla massima partecipazione sindacale». I due sindacalisti citano sentenze e leggi riguardo la concertazione sindacale.
Riguardo la dotazione organica «il calcolo del 25 per cento va fatto sull’intera dotazione organica, con riferimento a ciascuna categoria. Il calcolo porta, in ogni caso, a uno sforamento esponenziale". E sul problema dei dipendenti part-time che chiedono di "vedere trasformare il rapporto di lavoro in full-time la norma contrattuale non fa riferimento ad altre limitazioni, se non alla disponibilità del posto in organico". A Comiso, circa 40 lavoratori hanno presentato ricorso per chiedere il contratto full time, o lo faranno a breve. La vicenda dei lavoratori part time e degli ex precari che chiedono di essere assunti sarà, quindi, terreno di scontro sindacale e giudiziario , anche per i prossimi mesi». F. C.

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X