RIFIUTI

Scicli, da oggi inizia l’«emergenza spazzatura»

di
L’allarme viene lanciato da Lino Carpino, del movimento Scicli Bene Comune che invita il commissario Ferdinando Trombadore ad intervenire

SCICLI. Scicli nel caos: da oggi i rifiuti a Scicli e nelle borgate rimangono nelle abitazioni. Un disservizio che crea disagi alla popolazione che non sa come smaltire la spazzatura. Un bel problema per il commissario straordinario Ferdinando Trombadore. La ditta Ecoseib srl, dopo diverse proroghe, non procederà più alla raccolta della spazzatura. La nuova gara d'appalto per la gestione dei rifiuti l'ha estromessa dal servizio. Sarà la ditta TEK.RA di Angri (Salerno), vincitrice del nuovo appalto, a gestire il servizio. Al momento, per motivi burocratici, la ditta non è pronta per il subentro. La conseguenza è che fino a quando la ditta vincitrice dell'appalto non sarà operativa i cittadini rischiano di dover tenere la spazzatura in casa. Sulla questione rifiuti è intervenuta "Scicli bene Comune" per denunciare un disservizio destinato a produrre disagi ai cittadini.

Lino Carpino, portavoce del movimento, parla di una situazione grave per il territorio e non di facile soluzione. «La ditta Ecoseib ha proceduto ad una serie di licenziamenti - dice Carpino - ed allo smantellamento del cantiere privato di suppellettili e attrezzature necessarie tipo antincendio, primo soccorso, armadietti, guardaroba, arredi, computer. Tutti elementi fondamentali per la sicurezza dei lavoratori e l'esistenza stessa del cantiere». Carpino è preoccupato per lo stato delle cose ed invita il commissario straordinario Ferdinando Trombadore ad intervenire. «Nelle zone non servite dalla raccolta differenziata porta a porta, ovvero nelle borgate e nelle campagne, la Ecoseib - aggiunge Carpino - ha tolto completamente i cassonetti stradali dedicati alla raccolta delle frazioni di differenziata (carta, cartone, vetro e plastica) ed ha ridotto notevolmente il numero dei cassonetti della frazione indifferenziata tanto che già nel primo pomeriggio di sabato risultavano essere completamente pieni e con i rifiuti sparsi per terra».

 

ALTRE NOTIZIE NEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X