TRIBUNALE

Pozzallo, assolto dopo 19 mesi di detenzione: «Non era lui il presunto scafista»

di
Sekou Sara Elhadji, 29 anni, senegalese, era stato fermato a Pozzallo

POZZALLO. Era stato fermato insieme ad un connazionale dopo l’arrivo di due gommoni a Pozzallo. Ieri, dopo sette mesi di detenzione, è stato assolto dal Tribunale collegiale di Ragusa per mancanza di prove. I testimoni sentiti nell’ambito di un incidente probatorio, infatti, hanno fornito versioni contraddittorie sul ruolo dell’uomo a bordo dell’imbarcazione. La Polizia Giudiziaria lo aveva fermato subito dopo lo sbarco del 9 giugno dell’anno scorso.

Si tratta di Sekou Sara Elhadji, 29 anni, senegalese, finito sotto processo con l’accusa di avere avere procurato l’ingresso in Italia di 107 migranti. Il pubblico ministero Federica Messina aveva chiesto la condanna dell’uomo alla pena di 4 anni di reclusione e tremilioni di euro di multa. Per l’assoluzione si è pronunciato l’avvocato difensore Massimo Garofalo. Il Tribunale (presidente Vincenzo Saito, a latere Elio Manenti e Francesca Aprile), dopo la camera di consiglio ha assolto l’imputato per mancanza di prove ai sensi del secondo comma dell’articolo 530 del Codice. I due gommoni erano stati soccorsi da due mercantili, il primo una petroliera battente bandiera maltese ed il secondo una bananiera battente bandiera delle Bahamas.

ALTRE NOTIZIE NEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X