AMBIENTE

Scicli, ex fornace Penna: crolla parte della ciminiera

di
Il vento di martedì non ha risparmiato la preziosa testimonianza di archeologia industriale fra Sampieri e Marina di Modica

SCICLI. Irrimandabile l'intervento di messa in sicurezza dell'ex fornace Penna di punta Pisciotto a Sampieri dopo l'ennesimo crollo di una parte della ciminiera e di alcune pietre dalla struttura dell'immobile. Martedì pomeriggio le forti raffiche di vento che hanno colpito la fascia costiera, "spazzando" via la pesante cappa di afa e di umidità, non hanno risparmiato la preziosa testimonianza di archeologia industriale sita al confine fra Sampieri e Marina di Modica.

Uno dei siti italiani più apprezzati, segnalato anche dal Wwf nell'ambito della campagna "RiutilizziAmo l'Italia", tesa al recupero di aree degradate e abbandonate che potrebbero essere destinate a un riuso sociale.

Oggi l'ex fornace di laterizi, ben individuabile nella "mànnara" della fiction del commissario Montalbano, è un rudere che subisce danni ad ogni ondata di maltempo. Entrata in funzione nel 1912 è andata distrutta da un incendio doloso nel gennaio del 1924: il manufatto e il terreno su cui insiste sono di proprietà privata ed è uno dei siti più vincolati d'Italia: da quello di inedificabilità assoluta perchè distante dal mare meno di 150 metri, a quello paesaggistico con l'inclusione, nel 2004, con decreto dell'assessore regionale ai beni culturali del tempo, Fabio Granata, al vincolo di Luogo del Cinema.

ALTRE NOTIZIE NEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook