ENTI LOCALI

Modica, 79 prepensionamenti al Comune

di
«Siamo stati noi ad avanzare, cinque mesi addietro, questa proposta», spiega Salvatore Terranova della locale segreteria della Cgil

MODICA. Prepensionamento per settantanove dipendenti del Comune di Modica e rideterminazione della pianta organica dell’Ente. A disporlo è stata la giunta municipale guidata dal sindaco Ignazio Abbate e questo atto consentirà al Comune di ridurre il numero dei dipendenti, a scaglione di scadenza fino al 31 dicembre del 2016, e di risparmiare al tempo stesso circa 6 milioni e 800 mila euro. La manovra che porterà al pensionamento dei dipendenti riguarderà, in ogni caso, coloro che ne abbiamo i requisiti previsti prima della riforma «Fornero» e con atti certificati dall’Inps e, in questo modo gli impiegati in servizio a Palazzo San Domenico si ridurranno dagli attuali 545 a 466.

Si tratta di una scelta unilaterale del Comune e questo in quanto la normativa vigente in materia consente, agli enti locali che si trovano a vivere uno stato strutturalmente deficitario, di mettere in quiescenza i dipendenti in esubero, attraverso la risoluzione del rapporto di lavoro del personale in soprannumero o eccedentario.

«La riduzione della spesa relativa al personale, uno dei parametri ad alta criticità dell’Ente, ci permetterà — afferma Ignazio Abbate — di dare un taglio consistente al disavanzo di amministrazione pregresso e fornire, così, un orizzonte più sereno ai conti dell’Ente ed evitare i rischi di un dissesto finanziario».

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X