Modica, noto imprenditore scippato in via Sacro Cuore: 2 fermi

I carabinieri hanno tratto in arresto due catanesi accusati di avere scippato un imprenditore in via Sacro Cuore. È stata la vittima ad aiutare i militari a rintracciarli

MODICA. Scippano un noto imprenditore avicolo ma vengono fermati poco dopo dai carabinieri durante la fuga. MSono stati così arrestati due catanesi che nel pomeriggio di ieri, intorno alle 15,30, avevano preso di mira l'imprenditore modicano di 70 anni, G.B., che si stava recando in banca, alla Montepaschi di Siena, che si trova in via Sacro Cuore. I carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Modica dopo un lungo inseguimento hanno bloccato Francesco Filippini, 35 anni, e Gaetano Arena, 22 anni. I due malviventi, a bordo di un motociclo senza targa, sono stati intercettati dai militari dell’Arma sulla statale «115», in direzione Rosolini, mentre tentavano di lasciare la provincia di Ragusa per proseguire verso Catania. Nel frattempo, in località Beneventano a Modica pare si siano disfatti della valigetta semi rigida rubata col bottino, probabilmente perché si sentivano braccati dalle forze dell’ordine. La vittima era stata avvicinata mentre si trovava su un marciapiede da un giovane che gli aveva strappato repentinamente la valigetta dove c'era il denaro che doveva depositare in banca, circa quindicimila euro oltre ad assegni. Il malvivente, dopo una cinquantina di metri, era poi salito a bordo di un ciclomotore sul quale lo attendeva un complice. Tutto è durato una manciata di secondi. Scattato l’allarme, sul posto sono arrivati polizia e carabinieri mentre alcuni passanti soccorrevano la vittima in stato di choc. L’uomo ha descritto i due scippatori come giovani tra i venti e i trent’anni(e non si è sbagliato). Lo scooter era stato ritrovato poco dopo, abbandonato, in Viale della Costituzione, al Polo Commerciale. Il mezzo era stato rubato qualche giorno prima in città. Evidentemente avevano pronto l’altro mezzo col quale nella corsa pare siano anche caduti. Appare evidente che gli autori conoscessero le abitudini dell’imprenditore, magari avendone studiato gli orari. L’intero malloppo è stato recuperato e restituito al rapinato. Sa.C.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X