Scicli, infermieri di Chirurgia del Busacca in allarme

È trascorso quasi un mese dalla sospensione dell'attività di Chirurgia, disposta lo scorso 13 agosto dal direttore generale del'Asp, Maurizio Aricò, per l'assenza di "standard di sicurezza e di assistenza"

SCICLI. Il personale infermieristico del reparto di Chirurgia dell'ospedale Busacca di Scicli rischia di finire come i colleghi dello stesso reparto del Civile di Ragusa che, tempo fa, sono stati cambiati in toto. Scende in campo il Collegio provinciale Ipasvi, l'organismo che fa capo agli infermieri, e con il suo presidente Gaetano Monsù fa l'esame di quanto sta accadendo a Scicli. Qui, a quasi un mese dalla sospensione dell'attività di Chirurgia, disposta lo scorso 13 agosto dal direttore generale del'Asp, Maurizio Aricò, per l'assenza di "standard di sicurezza e di assistenza", nulla di nuovo si registra sulla ripresa del lavoro di sala operatoria da parte di medici e paramedici. Sul parere poi dell'ufficio tecnico dell'Azienda sanitaria, che la metà della scorsa settimana ha eseguito un sopralluogo per accertare le reali condizioni della sala operatoria e dell'intero padiglione "I" dove è ospitata la Chirurgia, autorizzata a svolgere solo attività ambulatoriale, c'è il silenzio. Ieri Monsù, è intervenuto in difesa del personale infermieristico. "Gli infermieri del reparto di Chirurgia del Busacca rischiano di vedere naufragare, dall'oggi al domani, decenni di impegno e passione dedicati alla professione all'interno del reparto di Chirurgia di Scicli e sempre in funzione del benessere dei cittadini — afferma il presidente dell'Ipasvi — non dobbiamo dimenticare che poco tempo fa sono stati cambiati in toto gli infermieri dell'Uoc di chirurgia generale dell'ospedale Civile di Ragusa con la giustificazione che erano "inefficaci ed inefficienti" il che risultava abbastanza strano, basti pensare che tra essi la maggior parte aveva decennale esperienza e comprovata professionalità. Oggi al Busacca si proietta lo stesso film, cambia solo parte dello scenario. Non voglio intervenire nel merito delle motivazioni che hanno portato il direttore generale a chiudere la chirurgia ma tutti sappiamo che lo stesso reparto è stato ritenuto l'anno scorso, da un comitato scientifico, come centro di eccellenza e uno tra i migliori dieci della Sicilia e per quanto riguarda gli standard assistenziali il personale infermeristico è tra i migliori perchè altrimenti non si giustifica il punteggio massimo avuto dagli infermieri nel sistema incentivante".  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X