Modica, raffica di furti a Frigintini e i residenti chiedono più sicurezza

MODICA. La ripresa della recrudescenza microcriminale nel territorio di Modica e, in particolare, nella frazione di Frigintini, riapre una vecchia “ferita” che la comunità del centro agricolo non ha ancora rimarginato: la soppressione della caserma dei carabinieri. L’argomento è oggetto della lettera aperta da parte di un cittadino, Massimo Garofalo.
«Mi chiedo che fine abbia fatto la stazione mobile annunciata dal Prefetto dell’epoca e promessa dai comandi provinciali delle forze dell’ordine, sia di giorno che di notte, a presidio del territorio e se è stata veramente assegnata (anche questa annunciata dal Prefetto dell’epoca) la pattuglia in più rispetto a quella in forze a Modica per assicurare la sorveglianza h 24».
Appare evidente che la soppressione della caserma di via Gianforma, la mancata attuazione della promessa stazione mobile e la mancanza di un constante pattugliamento del territorio, generi le migliori condizioni per i malviventi, riscoprendo le zone rurali, franche da qualsiasi forma di legge.
“Per questi motivi, appare indispensabile una presenza effettiva da parte delle forze dell’ordine con un continuo pattugliamento diurno e notturno, e una videosorveglianza nei punti strategici, atta a scoraggiare qualsiasi forma delinquenziale”.
Per il mittente della lettera è arrivato il momento di dare agli abitanti della frazione rurale delle risposte concrete e restituire alla popolazione la possibilità di vivere serenamente. «Credo fermamente che sia un nostro diritto di cittadini — conclude — e un preciso dovere delle istituzioni».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook