Acate, fermato marocchino per incendio ad una serra

L’uomo, 32 anni, è ritenuto dai carabinieri responsabile del rogo che nel novembre 2011 ha distrutto una serra di pomodori di 3000 metri quadrati. Avrebbe agito per vendicarsi dopo il licenziamento
Ragusa, Archivio

ACATE. Un marocchino di 32 anni è stato fermato dai carabinieri ad Acate (Ragusa) perchè ritenuto responsabile dell'incendio che il 7 novembre del 2011 provocò danni per 20 mila euro ad una serra di pomodori di 3.000 mq. di contrada Dirillo, a Vittoria. L'uomo, che sarebbe responsabile di altri incendi in varie aziende agricole della zona, dove avrebbe anche compiuto alcuni furti, avrebbe agito per vendicarsi di essere stato licenziato: dopo aver lavorato per pochi giorni in una delle ditte era stato mandato via a causa del suo scarso rendimento e dell'abuso di alcool. L'extracomunitario, irregolare in Italia, deve rispondere di ricettazione, violazione di domicilio, danneggiamento seguito da incendio, furto in abitazione, furto in azienda agricola aggravato dalla violenza sulle cose e dalla destrezza, maltrattamento di animali e danneggiamento. Al marocchino i militari sono arrivati visionando le immagini delle telecamere. In un casolare abbandonato di Dirillo-Recinto dove l'uomo abitava i militari hanno ritrovato gli oggetti rubati.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X