"Villa abusiva" a Ispica, a giudizio la moglie di Lombardo

Sotto processo anche l'ex sovrintendente ai Beni Culturali e Ambientali di Ragusa, un funzionario e un dipendente comunale. La vicenda riguarda la villetta a mare che l'ex governatore aveva donato alla moglie
Ragusa, Archivio

ISPICA. Saveria Grosso, moglie dell’ex Governatore, Raffaele Lombardo, l’ex sovrintendente ai Beni Culturali e Ambientali di Ragusa, Vera Greco, il funzionario dello stesso organismo, Calogero Rizzuto, e il dipendente del Comune di Ispica, Giuseppe Caschetto, sono stati rinviati a giudizio dal Gup del Tribunale di Modica, Maria Rabini, in accoglimento della richiesta del pubblico ministero, Alessia La Placa, per abuso d’ufficio in concorso. La vicenda riguarda la villetta sul mare di Cirica che Lombardo aveva donato alla moglie (difesa dall’avvocato Salvatore Poidomani).

I quattro saranno davanti al Tribunale collegiale il prossimo 10 aprile. L’udienza è stata, caratterizzata dalle arringhe della difesa, che hanno puntato sull’assenza di responsabilità della Sovrintendenza e dell’ufficio tecnico comunale di Ispica. La Greco, infatti, si sarebbe limitata a rilasciare il parere sull’impatto paesaggistico per la ristrutturazione del rudere della villetta che, essendo stata edificata oltre un secolo fa, nella visione della funzionaria avrebbe fatto parte integrante del paesaggio circostante. Una versione che, in precedenza, era stata sostenuta dall’architetto Rizzuto, nel corso della sua deposizione, quando aveva ribadito l’insussistenza di problemi d’impatto ambientale o di violazione delle norme previste dal piano paesaggistico, poiché la villetta, abbandonata e di limitate dimensioni, era già esistente.

La Greco, con il suo parere paesaggistico, non entrò nel merito della vicenda sotto l’aspetto prettamente urbanistico perché non le competeva. D’altra parte, la Dia (dichiarazione d’inizio attività), sarebbe corredata di tutti i pareri e di tutte le autorizzazioni necessarie per la ristrutturazione dell’immobile, come a suo tempo accertato dal Caschetto per conto dell’Utc di Ispica, che rilasciò a sua volta i nulla osta per la ristrutturazione della villetta, considerata abusiva perché edificata a meno di 120 metri dalla battigia.

Più volte era stato evidenziato che l’erosione costiera avrebbe ridotto il lembo di spiaggia tra la casa e il mare, determinandone l’eccessiva vicinanza, in spregio alla normativa vigente, che non sarebbe stata riscontrata quando l’immobile fu edificato oltre un secolo fa. Sulla vicenda è in corso un altro processo davanti al Got di Modica contro la stessa Grosso, il direttore dei lavori ed il legale rappresentante dell’impresa che li ha eseguiti, Alberto Miceli e Giuseppe Presti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook