"Loculi troppo cari al cimitero di Modica"

Dopo la privatizzazione, ecco le prime proteste.Maggio: «Va bene i servizi ma nessuna risposta sul caso dei prezzi»
Ragusa, Archivio

MODICA. Al clamore per la presentazione dei lavori del project financing del cimitero di Modica, è seguito il silenzio ai tanti interrogativi che i cittadini modicani continuano a porsi sul project financing per il Cimitero di Modica. Oggi il cimitero si presenta in condizioni certamente più dignitose di prima quanto a pulizia, ma ciò non pone fine agli interrogativi sull’opera di project financing e ancor più «sulle mancate risposte dell’amministrazione comunale – afferma Orazio Maggio, responsabile cittadino Federazione della Sinistra -, alle istanze di chiarimenti provenienti dai cittadini».
«Non si vorrà forse pensare – dichiara Orazio Maggio – che il cittadino modicano sia talmente stolto da limitarsi a guardare la bella confezione del prodotto, il decoro e la pulizia che non può non essere di tali luoghi, e a non approfondire la sostanza del prodotto «project financing». La neonata «Servizi Cimiteriali Modica», il diciannove ottobre scorso ha predisposto un modulo di preassegnazione loculi con il quale si impegna alla consegna di 3056 loculi entro il quindici ottobre 2015. Per ottenere tali opere, il cittadino modicano deve «solo», versare per un loculo, ad esempio di fila tre la modesta somma di 2.135,45 euro, di cui un acconto di circa il sessanta per cento entro cinque giorni dalla sottoscrizione del modulo. «Viene da chiedersi – aggiunge Maggio – come tali costi possano rapportarsi, ad esempio, con il vicino comune di Vittoria dove vengono fissate le tariffe per la concessione dei loculi per l’anno 2012 e viene previsto, quale somma massima per la concessione di loculi, l’importo di 1.319,16 euro». Ma gli interrogativi per Maggio non finiscono qui. «Sarebbe immaginabile, in condizioni di libero mercato, la pretesa di una caparra del sessanta per cento del prezzo finale, a fronte di una prevista consegna lavori nell’ottobre 2015?».
La Federazione della Sinistra, chiede in conclusione un intervento, chiaro e decisivo, da parte degli amministratori. “Va infine segnalato che tutto ciò avviene nel più assordante silenzio e nell’assenza di quel fantomatico strumento di controllo e di garanzia che il sindaco e la sua amministrazione aveva promesso alla propria cittadinanza. Invece – conclude Maggio – si deve prendere atto, ancora una volta, che la città sia stata abbandonata e sacrificata sull’altare della sacra incoerenza del sindaco e del Pd modicano”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook