Rifiuti, Scicli vuole puntare sulla differenziata

Via libera del Consiglio alla mozione che impegna l'Amministrazione ad avviare un nuovo ciclo
Ragusa, Archivio

SCICLI. Tutti d'accordo sul cambio di rotta nella gestione dei rifiuti. Il Consiglio comunale di Scicli ha approvato una mozione di indirizzo, presentata dagli esponenti di Italia dei Valori, Guglielmo Ferro e Bernadetta Alfieri, che impegna l'Amministrazione ad avviare un nuovo sistema gestionale dei rifiuti con una più attenta raccolta differenziata e con benefici diretti, soprattutto economici, per gli utenti.

Si dovrebbe, insomma, arrivare al traguardo "Rifiuti zero" con un livello minimo del 65 per cento di raccolta differenziata entro 12 mesi dall'affidamento del nuovo servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti - in scadenza alla fine dell'anno quello attualmente in atto con la ditta Ecoseib che da 18 mesi ha avviato il sistema della raccolta differenziata porta a porta.

Il Consiglio comunale ha dato mandato al sindaco ed alla giunta di procedere ad ordinare, alla società che si aggiudicherà il nuovo servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, l'urgente e la radicale riconversione del sistema di raccolta dei rifiuti urbani ed assimilati.

Tale riconversione dovrà prevedere l'estensione a tutta la fascia extraurbana della modalità di raccolta «porta a porta»; entro il 2013 poi si dovrà istituire un sistema tariffario basato sull'effettiva quantità di rifiuti prodotti dalle utenze domestiche e non domestiche, applicando i principi del quoziente familiare e le detassazioni per i nuclei familiari conviventi con cittadini portatori di handicap o invalidi al cento per cento e di istituire almeno un Centro comunale di raccolta al fine di completare il primo ciclo della raccolta differenziata.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook