Conti in rosso a Scicli, nel collegio dei revisori salta una pedina

Elisabetta Pacetto si dimette per motivi personali, ma a pesare c’è anche l'approvazione del bilancio
Ragusa, Archivio

SCICLI. Una settimana fa aveva rimesso il mandato l'assessore al bilancio Giovanni Frasca, ieri è stata la volta di uno dei componenti del collegio dei revisori dei conti. La dottoressa Elisabetta Pacetto ha lasciato l'incarico di componente dell'organismo di controllo sui conti del Comune spiegando di aver preso tale decisione per motivi strettamente personali e familiari. Lo stesso aveva fatto l'ex Frasca, ma non ci vuole la palla di vetro per fare intendere che le cause potrebbero essere altre.

Non ultime quelle dell'approvazione del bilancio di previsione 2012 entro i tempi stabiliti dalla legge e che, oggi, sono abbondantemente scaduti. Entro il 31 ottobre scorso, infatti, il documento finanziario doveva essere esitato dal Consiglio comunale. Il termine è stato superato ed al presidente della civica assise, Vincenzo Bramanti, è arrivato sul tavolo solo il piano triennale delle opere pubbliche che dovrà essere esaminato in Consiglio ed approvato dallo stesso organismo. Bramanti ha già convocato la conferenza dei capigruppo per oggi, mentre attende che i revisori dei conti trasmettino il parere sul bilancio di previsione 2012 approvato dalla giunta Susino, propedeutico alla convocazione della seduta del Consiglio comunale.

Se il presidente Bramanti non ha in mano il parere dei revisori è impossibilitato a convocare la seduta d'aula. Ieri la notizia che uno dei tre componenti del collegio dei revisori dei conti ha rimesso l'incarico: rimangono nell'organismo Ignazio Miccichè con funzioni di presidente e Stefano Puglisi nelle vesti di componente. I ritardi sul pronunciamento del collegio dei revisori sarebbero riconducibili alle difficoltà che questo organismo sta trovando nello svolgere il proprio compito di leggere tutti i documenti legati al bilancio, studiarli e stilarne il parere. Da giorni il "chiacchiericcio" del palazzo lascia intendere che, nonostante, i revisori stiano lavorando alacremente non riescono a chiudere il cerchio e trasmettere il parere al presidente del Consiglio cui spetterà il compito di portare gli atti in aula.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook