Comune, giro di nomine a Scicli

Da dieci passano ad otto i funzionari che percepiranno le retribuzioni di posizione, su base annua da erogare mensilmente
Ragusa, Archivio

SCICLI.  Con propria determina il sindaco Franco Susino ha "ridisegnato" la mappa delle figure apicali al Comune di Scicli conferendo gli incarichi per le posizioni organizzative per un anno, fino al 31 ottobre 2013. Da dieci passano ad otto i funzionari che percepiranno le retribuzioni di posizione, su base annua da erogare mensilmente.
Un risparmio modesto visto che le posizioni sono diminuite solo di due unità. La distribuzione dei nuovi incarichi è stata disposta solo dopo l'approvazione da parte della Giunta municipale del Regolamento comunale sull'ordinamento generale degli uffici e dei servizi che fa il paio con quello che aveva approvato nel mese di maggio scorso l'ex commissario straordinario Margherita Rizza.
Le nuove posizioni organizzative con incarichi di capi-settore vanno a Mario Picone con gli affari generali, a Francesco Lucenti con le finanze ed i tributi, ad Enza Giuseppa Spataro con affari sociali, scolastici ed economici; a Guglielmo Spanò con lavori pubblici ed urbanistica.
Tre in tutto i capi-settori che sono stati messi da parte: Elio Tasca, Maria Giuseppa Benedetto ed Antonino Bonincontro. Le novità stanno nell'accorpamento di affari sociali, scolastici ed economici che vanno a creare un mega settore affidato alla dottoressa Enza Giuseppa Spataro; stanno pure nell'accorpamento di urbanistica e lavori pubblici che vanno al capo settore Guglielmo Spanò; stanno pure nell'attribuzione della posizione organizzativa al servizio di protezione civile con Ignazio Fiorilla.
Con la stessa determina il sindaco Susino ha affidato al segretario Francesca Sinata la responsabilità delle strutture extra-settoriali quali la segreteria, gli uffici di staff e del sistema informatico centrale, il controllo interno di gestione, il servizio cultura e l'ufficio stampa. Questo è uno degli atti amministrativi con cui la giunta Susino ha voluto dare un segnale di risparmio nelle spese dell'ente. Un ente ridotto all'osso per i debiti accumulati negli anni e per i crediti che difficilmente il Comune sciclitano riuscirà a recuperare perchè vantati nei confronti di enti quasi in dissesto quali Modica, Pozzallo ed Ispica.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook