Santa Croce, approvato il bilancio

Via libera alla manovra finanziaria da 11 milioni di euro. Otto i voti favorevoli, sei i contrari. Ma l’opposizione insorge

SANTA CROCE CAMERINA. La maggioranza ”ritrova” i numeri in aula e approva il bilancio preventivo al comune di Santa Croce. Una manovra finanziaria di 11 milioni di euro. Otto i voti favorevoli, sei i contrari. Due gli emendamenti respinti, uno approvato, relativo all’assistenza alle famiglie disagiate con i voucher. Una manovra che ha sollevato le vibrate proteste del gruppo di minoranza. «Abbiamo messo a nudo le criticità di questa amministrazione - incalza Carmelo Portelli, del gruppo di minoranza - che non ha saputo dare le opportune e necessarie spiegazioni ai nostri quesiti. Sulle tariffe idriche sono state confermate le somme dello scorso bilancio più una tariffa forfettaria di 120 euro per i nuovi allacci. L’aspetto più grave che è stato fatto un danno economico non indifferente alle famiglie con l’aumento esponenziale del 9,6 per mille dell’Imu sulla seconda casa. Una vera e propria tassa patrimoniale che avrà delle ricadute pesanti sulle famiglie di Santa Croce».

Tra gli argomenti più spinosi quello l’appostamento in bilancio di 100 mila euro per il comparto agricolo. «Una relazione sul bilancio scarna - aggiunge Luca Agnello, consigliere di minoranza - priva di contenuti concreti e progettualità reale. Se non l'aver accontentato il gruppo agricoltori coi famosi 100mila euro ma che ad oggi nessuno è riuscito a spiegare nel dettaglio come vogliono spenderli in due mesi. Nonostante le nostre proposte fossero volte a non sconvolgere il bilancio ma tutelare anche altre attività produttive. Ad esempio la riduzione al 5,0 dell'Imu per i fabbricati adibiti ad attività produttive commerciali e artigianali o aumentare di poco le fasce d'esenzione sull'Irpef, dai banchi della maggioranza l'ordine era chiaro: sordi alle parole dell'opposizione e dritti per la propria strada coi paraocchi». Per il gruppo agricoltori che sostiene l’amministrazione si tratta di un risultato positivo. «Le somme inserite in bilancio – spiega Guglielmo Occhipinti, portavoce del gruppo degli agricoltori - serviranno a sostenere il comparto agricolo. Nella fattispecie stiamo lavorando per il marchio di qualità che avrà delle ricadute significative sul territorio. Parte delle risorse, poi, saranno impegnate per la promozione in ambito territoriale ed extraterritoriale sui grandi network nazionali».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook