Cna, il settore edile sta scomparando: persi mille occupati

Negli ultimi dodici mesi gli operai sono passati da 5.287 a 4.393. Crollo anche per le imprese: il 30% ha chiuso i battenti per la grave crisi

RAGUSA. Il panorama edilizio in provincia è a un passo dal tracollo. La Cna Costruzioni predispone una piattaforma di richieste. Analizzando i dati degli ultimi dodici mesi il crollo è evidente: le imprese attive del settore nel settore costruzioni erano 1829 nel settembre 2011 mentre nel settembre 2012 sono 1248, con un meno 30%. In calo anche gli operai passati da 5.287 a 4.393. In Sicilia sono 80 mila i lavoratori licenziati, 6 miliardi di fondi comunitari fermi, quattro miliardi di pagamenti alle imprese bloccati. È il quadro drammatico in cui versa il settore delle costruzioni.
Quadro drammatico che si ripercuote anche in provincia dove gli artigiani e le piccole e medie imprese edili e i loro operai sono quelli che stanno pagando pesantemente i costi di questa tragedia di enorme proporzioni di cui non si vede la fine. È questo il senso della denuncia che la Cna costruzioni dell’area iblea fa con riferimento al fallimento di una Regione che, in questi decenni passati, non ha mai lavorato per creare uno sviluppo economico e produttivo e un’occupazione stabile ma ha dilapidato le consistenti risorse finanziarie in spese improduttive, clientelismo, inefficienza burocratica e corruzione. «Ecco perché Cna costruzioni chiede, anche in provincia – dice il presidente provinciale, Bartolo Alecci – una svolta radicale e scelte immediate a sostegno degli artigiani e delle piccole e medie imprese. Intanto sul fronte del lavoro rispetto a cui è necessario sbloccare i fondi comunitari, destinando una quota di almeno 200 dei 600 milioni arrivati dal Governo nazionale per il cofinanziamento. Serve, poi, attivare quelle misure del Por Sicilia che permettano di avviare immediatamente, negli enti locali, centinaia di progetti esecutivi di piccole opere immediatamente cantierabili. È necessario, altresì, rendere più flessibile il patto di stabilità per le infrastrutture finanziate con i fondi europei».
La Cna costruzioni chiede all’assessorato regionale alle Attività produttive di pubblicare immediatamente il bando che finanzia i consorzi artigiani che si insediano nelle aree attrezzate, dato che i soldi sono disponibili. «Inoltre – prosegue il responsabile provinciale Vittorio Schininà – viene chiesto di accelerare al massimo tutte le procedure per lavori che risultano già finanziati con finanziamenti regionali o nazionali, o per opere bloccate per questioni burocratiche. Evidenziamo, però, che al dramma della mancanza di lavoro si è aggiunta la tragedia delle imprese che hanno fatto i lavori, pagato i salari, versato i contributi previdenziali e assistenziali, le tasse e le imposte, con le banche che stanno col fiato sul collo, le quali imprese non vengono pagate dalle Pubbliche amministrazioni e rischiano di fallire».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook