Scuola, scoppia la protesta dei ragazzi disabili

Disagi negli istituti. Non vedenti e non udenti in piazza per denunciare i tagli all’assistenza. Istituito un tavolo di concertazione fino a dicembre
Ragusa, Cronaca

RAGUSA. Non vedenti, non udenti ed altre categoria di disabili hanno protestato, ieri mattina, dinanzi alla sede della Provincia, in viale del Fante. I tagli consistenti operati dall'ente provinciale rischiano di non consentire a queste categorie di studenti di svolgere gli studi.


Duro l'intervento di Sabina Fontana, presidente dell'associazione «Pro Diritti H». «La provincia deve erogare per legge i servizi per le persone sorde e non vedenti». Gli alunni sordi, in provincia, sono circa cinquanta, una ventina i non vedenti.


E' stato deciso di istituire un tavolo di concertazione con le associazioni dei disabili per verificare sino alla fine dell'anno i servizi da mantenere. Martedì mattina la prima riunione.


Un servizio sul Giornale di Sicilia di oggi, edizione di Ragusa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X