Emergenza acqua nelle contrade I residenti si rivolgono ai privati

Protestano i cittadini nelle zone non servite dall'acquedotto comunale: «Non arrivano autobotti sufficienti»
Ragusa, Archivio

RAGUSA. I monitoraggi sono continui, così come continue le indagini per cercare di capire cosa abbia inquinato due sorgenti, una delle quali assai preziosa per la portata d'acqua. Continua a non essere immessa nella rete idrica comunale l'acqua proveniente dalla sorgenti «Oro Scribano» e «Misericordia». L'Asp esegue in modo serrato i controlli, ma evidentemente qualcosa ancora non va. La «Misericordia» sembra essersi «ripresa», ma la «Oro» presenta sempre tracce di inquinamento che preoccupano. Ed essendo le due sorgenti correlate, la precauzione non è mai troppa: e così l'acqua finisce nel fiume, con il rischio di inquinarlo, come tra l'altro sostenuto da più parti, anche dall'Arpa. Una situazione che si protrae ormai da oltre due anni, senza che si sia ancora riusciti ad individuare con certezza chi abbia causato l'inquinamento. Il servizio completo sul Giornale di Sicilia in edicola. Da.Bo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook