Scicli, scontro sull’ambiente: chiazze sospette in mare

Indaga la procura. Posta sotto sequestro una condotta a Sampieri. Il sindaco: Confortanti i dati sulla qualità dell’acqua
Ragusa, Archivio

SCICLI. "Quello che vogliamo è un mare pulito per tutto l'anno, oggi vediamo nuovamente delle chiazze sospette", sono le parole del consigliere di "Scicli Bene comune", Bernadetta Alfieri, ai dati che il sindaco Franco Susino aveva ufficializzato nei giorni scorsi sullo stato delle acque iblee nello scorso mese di agosto. Scatta un nuovo allarme sulla costa sciclitano quotidianamente monitorata dai carabinieri, negli scarichi a mare e negli impianti fognari che confluiscono sulla costa. I militari, nel fine settimana, hanno posto sotto sequestro, su mandato della Procura, una condotta di reflui nell'antica "regia trazzera" alla periferia di Sampieri. Il dissequestro che avrebbe dovuto permettere di realizzare i lavori di sistemazione della condotta è durato solo giusto il tempo acchè l'area diventasse impraticabile per la presenza di un rivolo che ha fatto franare il terreno sul quale si era iniziato ad eseguire i lavori. Mentre l'occhio vigile dei militari guarda ogni giorno al territorio costiero cercando le cause dell'inquinamento marino, si consuma il dibattito sulla sicurezza del mare sciclitano. «In agosto - afferma il consigliere Alfieri - una volta che in lungo e in largo è stato reso noto che il territorio era controllato e le acque del mare monitorate, chi di dovere si è preoccupato di non essere scoperto: in effetti, ad agosto, come dice il sindaco il mare era pulito tuttavia, l'estate si sa, ha una durata limitata nel tempo, i turisti vanno via e tutto torna alla normalità, così anche il mare ha ripreso il suo strano colore, le schiume si sono ripresentate, spesso alla stessa ora".
E' stato il sindaco Franco Susino a dare, dieci giorni fa, i dati dei rilievi eseguiti dal laboratorio di sanità pubblica dell'Asp 7 di Ragusa. "I dati sono particolarmente confortanti. Nel mese di giugno avevo assunto l'impegno che avrei reso pubblici i dati sullo stato delle acque del mare sciclitano e soprattutto avrei dato la massima trasparenza sul tema dell'ambiente e della balneabilità del nostro mare. E' quanto ho fatto" - dice il primo cittadino. I punti di prelievo che sono stati monitorati dal laboratorio ragusano sono a Punta Pisciotto, sulla spiaggia di Sampieri, a Costa di Carro, a Punta Corvo, a Cava d'Aliga, ad Arizza, a Spinasanta, a Donnalucata, nel tratto di mare a sinistra del molo di Donnalucata, ed in quello a destra del molo di Donnalucata, nel mare antistante la spiaggia di ponente di fronte l'Hotel Riviera ed a Playa Grande.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook