A Scicli in catene contro i "tagli"

Parte dalla cittadina iblea la protesta dei sindacati dopo la riduzione dei trasferimenti di Stato e Regione che hanno messo in ginocchio i Comuni
Ragusa, Cronaca

SCICLI. Da Scicli per dire no ai tagli di Stato e Regione che hanno messo in ginocchio interi Comuni.
È partita dalla cittadina iblea la protesta dei sindacati della funzione pubblica di Cgil, Cisl ed Uil verso una politica di riduzione di fondi che hanno messo in difficoltà gli enti locali dell'isola e soprattutto i lavoratori che, in tantissimi casi, non percepiscono gli stipendi da mesi.
Ieri mattina, in piazza Municipio davanti alla sede del commissariato più famoso del mondo, quello del commissario Salvo Montalbano tanto caro alla penna di Andrea Camilleri, i rappresentanti sindacali provenienti da ogni parte della Sicilia. In particolare, quelli che non hanno mancato l'appuntamento in massa sono stati gli esponenti della funzione della Cgil della Sicilia che, guidati dal segretario regionale Michele Palazzotto, sono scesi in piazza con brache bianche ed incatenati. Il segretario provinciale della FP Cgil, Aldo Mattisi, si è adoperato per portare a Scicli i quadri dirigenti del suo sindacato.
Un servizio nell'edizione di Ragusa del Giornale di Sicilia in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X