Violenza a pubblico ufficiale, arrestati due romeni a Vittoria

I fatti sarebbero accaduti sabato sera, in piazza Berlinguer, dove la volante del commissariato ha notato i due tra gli alberi della villetta. A quel punto è scattato il controllo
Ragusa, Archivio

VITTORIA. Arrestati dalla Polizia di Vittoria due romeni di 28 e 26 anni. I due sono ritenuti responsabili del reato di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. I fatti sarebbero accaduti sabato sera, in piazza Berlinguer a Vittoria, quando la volante del commissariato nota due persone agitate tra gli alberi della villetta, ritiene opportuno effettuare un controllo. Scendono dall’autovettura, raggiungono gli uomini, due stranieri, li invitano ad esibire i documenti, ma notano subito che non c’è collaborazione, sono infastiditi, poi inveiscono contro gli agenti, si rifiutano di dire come si chiamano e quando vengono invitati a seguirli in ufficio perché si avviino le procedure di identificazione previste per gli stranieri, si scagliano contro gli agenti con calci e pugni. La cortesia a quel punto lascia spazio alla determinazione, cosicché i due energumeni vengono immobilizzati ammanettati e trasportati presso il commissariato. Dicono di essere romeni, uno dei due dice di chiamarsi Bogdan Bran, di 26 anni, l’altro si rifiuta di dire come si chiama. Avviate le procedure di identificazione tramite fotosegnalamento e ricerca dei precedenti fotodattiloscopici nella banca dati, si accerta che entrambi sono stati già esaminati nel febbraio scorso in occasione di un altro arresto ad Acate: il Bran aveva fornito un altro nome ed una diversa data di nascita mentre l’altro risultava essere Ionut Dolis, romeno di 28 anni. Entrambi sono pregiudicati per rissa. I due sono stati arrestati per i reati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale (gli agenti hanno riportato contusioni varie guaribili in tre giorni), inoltre per danneggiamento della portiera dell’autovettura di servizio presa a calci dai due durante il trasporto in ufficio e ciascuno per la sua parte per false attestazioni sull’identità personale e rifiuto di indicazioni sulla propria identità personale. Nel corso della stessa notte sono stati trasportati presso la casa circondariale di Ragusa a disposizione dell’A.G.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook